domenica , 23 luglio 2017
Ultime notizie
Home » Primarie PD Manfredonia » Riccardi, le cose fatte per Manfredonia
Riccardi, le cose fatte per Manfredonia

Riccardi, le cose fatte per Manfredonia

Riccardi, le cose fatte per Manfredonia

Manfredonia – TANTE le cose fatte, tante quelle in cantiere per continuare ad alimentare la forza vitale e l’energia della nostra città, per innescare nuovi processi di crescita, per dare sostanza al nostro presente e luce al nostro futuro. Con la nota che segue, prende avvio un cammino di rammemorazione delle azioni e dei risultati portati a compimento dalla giunta Riccardi, che costituiscono il ricco bagaglio di un viaggio cominciato cinque anni fa. Ma è solo l’inizio perché, con le tante iniziative sulla rampa di lancio, il bello viene ora.

1_Le cose fatte – L’Amministrazione Riccardi per il Sociale. Dal 2010 ad oggi il piano sociale di zona ha garantito aiuti finanziari e sostegno alle famiglie ed alle fasce più deboli della popolazione, come gli anziani e i diversamente abili. Sono stati realizzati la casa dei diritti, il centro polivalente per i minori, il centro polivalente per i disabili, ed è stato istituito il Forum dei Ragazzi per alzare il livello di attenzione verso i problemi educativi. Nell’ambito del piano, le risorse finanziarie messe in campo sono state di 3 milioni di euro all’anno.

L’Amministrazione Riccardi per la Sanità . Costante è stato l’impegno in prima persona di Angelo Riccardi per difendere e sostenere con ogni mezzo e in tutte le sedi l’Ospedale San Camillo de Lellis. L’ultimo atto è stato l’impugnazione, dinanzi al Tar Puglia, del provvedimento dell’Asl Fg con cui si riducono da 8 a 6 le Unità Operative Complesse dell’Ospedale, che ha prodotto l’effetto immediato del ritiro da parte del dott. Manfrini della suddetta delibera. Per il Consultorio Familiare, invece, dopo una fase di rafforzamento, prosegue il monitoraggio del servizio di “pap test”. Infine è stato avviato il piano biennale per la prevenzione dalle dipendenze (droghe, alcol e gioco in primis).

L’Amministrazione Riccardi, le opportunità di lavoro e la difesa dei posti di lavoro. L’obiettivo della creazione di opportunità del lavoro è stato la stella polare del percorso amministrativo: dalla Zona Franca Urbana, con la quale sono stati ottenuti 4,65 milioni di euro in favore degli operatori economici, all’istituzione del SUAP (lo sportello unico per le attività produttive). In quest’ottica s’inseriscono i cantieri del Progetto Manfredonia 2020 e del Laboratorio per l’Innovazione e lo Sviluppo del Territorio (LIST), in attesa del finanziamento regionale. È stato avviato il partenariato con l’Associazione CampusLab e redatto il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (Patto dei Sindaci), che include iniziative nei settori dell’ambiente urbanizzato, delle infrastrutture, delle fonti di energia rinnovabile. Nel comparto marittimo, sono stati portati a finanziamento i progetti legati al Piano di sviluppo costiero e alle Azioni in materia di sviluppo sostenibile e di miglioramento della qualità della vita nelle zone di pesca, definite dai Gruppi di Azione Costiera (GAC).

Costante è stato l’impegno e vigile l’attenzione, anche con azioni clamorose, per difendere i nostri lavoratori sempre sotto la spada di Damocle del licenziamento. Lavoratori che hanno trovato in Angelo Riccardi l’unico punto di riferimento nella difesa dei loro diritti. Un discorso a parte merita la vicenda Sangalli Vetro. Il fronte su cui si sta lavorando, unitamente con i Comuni di Monte Sant’Angelo e Mattinata, è quello di salvaguardare gli interessi vitali delle circa 200 famiglie coinvolte, alle quali si aggiungono quelle dell’indotto. Dopo il consiglio comunale congiunto, tenutosi negli uffici dell’azienda qualche giorno fa, lo scorso 2 dicembre è stato costituito, presso il Ministero dello Sviluppo Economico l’apposito tavolo di monitoraggio. La vertenza Sangalli Vetro Spa assume quindi e di fatto una rilevanza nazionale. Al tavolo del Ministero, oltre ad Angelo Riccardi e ai sindaci di Monte Sant’Angelo e Mattinata, erano presenti anche i sindacati nazionali e locali, l’azienda e l’assessore regionale al ramo. È iniziata così la fase del monitoraggio e della verifica di quanto concordato in quella sede.

(comunicato stampa, Manfredonia, 5 dicembre 2014)

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>